Tutti

I reperti numismatici

 Monete e commercio a Cencelle tra XII e XIV secolo

I reperti numismatici rinvenuti dai settori I e II di Cencelle, aree a vocazione abitativa e artigianale, sono in tutto 41. Le monete, tutte in metallo vile (bronzo, mistura e rame), coprono un arco cronologico molto ampio, dalla fine del II secolo a.C. al 1921 (10 centesimi di Vittorio Emanuele III).

Target: 

I reperti epigrafici

Le iscrizioni provenienti dal sito di Leopoli - Cencelle sono caratterizzate da varietà di datazione, di tipologia e d’uso, offrendo così una testimonianza del fenomeno insediativo non solo per la città di fondazione papale ma anche per le limitrofe aree collinari e costiere.

Target: 

Il vetro

Per quanto riguarda i reperti mobili in vetro rinvenuti durante lo scavo stratigrafico di contesti medievali, si deve precisare che il solo esame stilistico-morfologico dei frammenti diagnostici non è considerato elemento sufficiente nel fornirne una datazione assoluta, soprattutto in ragione dell’alto numero di questioni ancora aperte relative alla tipologia e alla diffusione dei manufatti vitrei nonché alla localizzazione delle officine relative a questa produzione in età medievale.

Target: 

La ceramica

La città di Leopoli-Cencelle fin dai suoi primi anni di vita avviò una propria produzione di vasellame ceramico, testimoniata sia dalle analisi archeometriche degli impasti che dal ritrovamento, nel cuore della città tra la basilica e la torre, di un impianto produttivo di ceramica di XIII secolo, ma probabilmente risalente all'epoca della fondazione di Cencelle.

Target: 

Settore IX

Negli anni 2009 e 2010 è stato aperto alle ricerche il settore IX nell’area Nord-Ovest di Leopoli - Cencelle. Le attività finora svolte hanno messo in luce le tracce di un isolato, costituito da cinque ambienti, a ridosso del circuito murario.
Target: 

Settore VIII

Un quartiere residenziale sulla sommità della collina
 
Il settore VIII è posto sulla sommità della collina, a Nord del polo religioso (settori VI e VII), a Nord-Ovest di quello signorile (settore V) e ad Est dei quartieri residenziale (settore II) e artigianale (settore III). Il settore è stato oggetto di due campagne di scavo (2005-2006) sotto la direzione scientifica della Prof.ssa Donatella Scortecci (cattedra di Archeologia Medievale dell’Università degli Studi di Perugia).
Target: 

SETTORE VII

 
 

Lo scavo dell’area cimiteriale connessa alla chiesa di San Pietro (Settore VII), intrapreso dal 2006 e tuttora in corso di svolgimento, si sta rivelando un’interessante occasione di studio per la ricostruzione delle dinamiche connesse al culto dei morti e allo spazio ad essi riservato nella città tra l’età comunale e il tardo Medioevo.

Target: 

Pagine

Subscribe to Tutti

Rassegna stampa

Credits

 

X